Comunication suspended

Castello di Vigevano, di e con Alex Sala 2019

La performance si svolge su una scena quasi vuota: una vasca, una sedia, una luce, un muro di demarcazione che fa da sfondo alla scena.

 

L`azione proposta vuole compiere una modifica esteriore sottointendendone una piu`interiore. Attraverso una litania visiva e gestuale, vuole portare a ragionare su come la mutazione del nostro corpo dettata dall`azione , possa modificare profondamente la nostra visione di realta` e come in questo modo il nostro pensiero liberato dalla corporeita` abituale sia predisposto a una comunicazione piu` diretta.

 

L`azione vuole cambiare il nostro punto di vista preferenziale, farci diventare visivamente qualcos`altro, e`un momento di conoscenza di se stessi attraverso il cambiamento, che ci porta per una volta dall`altra parte della strada, nella minoranza e in quello che sottointende.

 

La fase successiva e` quell`abbandono della corporeita`che perde di importanza, Il pensiero ne guadagna e, lasciato alla coscienza del performer, spontaneamente decostruisce la scena per ricrearne una piu` consona a se stesso diventandone comunicatore primo.

Le nostre azioni modificano quindi l`immediato circostante e ne cambiano la geometria dell`insieme.